March 27, 2020

          “Cos'è questo orrendo grumo di gelatina a forma di faccia?” furono le prime parole a cui le mandibole pneumatiche di Grag dettero voce.

          “Ammasso di ferraglia arrugginita, così ringrazi il tuo meccanico?” offeso, Otho, fece per calare sulla testa del robot un grosso cacciavite elettromagnetico. Ma Il Cervello lo afferrò al volo con le tenaglie dei suoi tenso-sensori.

          “Vedo che sei tornato in te, Grag” disse Curt, ritrovando il sorriso.

          Eek, la creaturina lunare telepatica salì sulle gambe del suo padrone dandogli una leccata affettuosa.

          “Ciao piccolina! Cosa mi è successo?”

          Joan, Curt e gli a...

March 26, 2020

          Per il vecchio Kunther tutto quel frinire e quel fogliame scosso dal vento erano rumori angoscianti.

          Le prigioni possono essere a cielo aperto, avere il finto volto della volta stellata, avere la forma e la sostanza di un gaio panorama. Ma un pianeta come la Terra, per l'uomo semplice di Ganimede, era un atollo disperso nell'immensità dell'Universo.

          Da quando l'esplorazione spaziale aveva raggiunto vette impensabili, l'antropocentrismo, la religione, i dubbi per una grama e breve esistenza erano diminuiti. Al posto loro erano subentrate altre psicosi come l’idrofobia o la cromofobia. Dell’acqua e dei colori se ne  aveva terrore più della carenza di ossigeno o delle tempeste magnetiche. Dentro l’azzurro oceano ci potevano vivere creatur...

March 25, 2020

          Il primo colpo di cannone andò a vuoto, disperdendosi nell'oscurità.

          Ai radar della Comet in approccio verso il punto segnalato da Captain Future parve un fascio di energia inconsueto: Grag, in seguito all’analisi dei dati, disse:

          “Trattasi di pseudo energia”.

          “Sei sicuro Grag?” chiese il Cervello.

          “Sì, al 100% e ho ripetuto il procedimento di controllo per ben tre volte”.

          Otho si intromise nella conversazione: “ehi cervelloni, che cosa intendete con pseudo energia?”

          “Sei il solito crapulone, Otho...”

...

Please reload

EG

 

È:

Mariposa, Calibro 35, The Winstons, Orchestrina di Molto Agevole, Der Maurer, Esecutori di Metallo su Carta, 19'40'' (www.19m40s.com), Upm - Unità di Produzione Musicale, Uds - Unità di Sonorizzazione, Mike Patton's Mondo Cane, Contemporarities.


È stato:

ensemble Risognanze, Timet, Sottosuono, LabF.S, LaRis, Sonata Island, Craxi, PJ Harvey's The Hope Six Demolition Project, Afterhours, Marco Parente, Vinicio Capossela, Baustelle, Dente, Morgan, Nada, Muse, Daniel Johnston, John Parish, Trovarobato, GoDai, Fuck Bloom? Alban Berg! e circa 250 dischi in 17 anni di attività.

E' sempre stato:

scrittore e disegnatore per lauto autodiletto.

Ha pubblicato Le Piscine Terminali, 17 racconti neri e dell'imprevisto (EKT Edikit, 2017)

recenti

Periscritto

blog di Enrico Gabrielli dove la musica NON è al centro
  • Grey Facebook Icon

March 3, 2020

December 19, 2019

March 22, 2019

Please reload