March 30, 2020

          Al ritorno sul Comet–animato Grag dovette tranquillizzare Joan:

          “Captain Future se la caverà”.

          “Come sempre”, aggiunse Otho che non appena entrò in plancia di comando abbracciò il piccolo Ook, “il nostro Curtis, sa il fatto suo”.

          L'allusione al ‘nostro’ non piacque a Kyaputen Fyūchā che si sentì da meno rispetto all'altro Newton. Ma non disse niente e si limitò a consegnare la Televisione al ‘suo’ Otho, intento a cablare il laboratorio.

          “Tutto pronto?” chiese, senza aggiungere altro.

          Per un oscuro fenomeno di osmosi i due cervelli di Simon Wright, incastonati nelle reciproche macchine levita...

March 28, 2020

          “Verme!” esclamò Kyaputen Fyūchā, tirando un pugno contro lo stipite di una scatola di controllo. E il rumore che venne a prodursi era falsato, come un suono doppiato dall'esterno.

          Anche la sua voce era strana, alle orecchie dei Futuremen a bordo del Comet-animato, come una fantasmagoria acustica, un inganno del timpano, come se la voce di Kyaputen Fyūchā non fosse lì ma proveniente da un altro luogo.

          “La p-pagherà c-cara!” ebbe a dire la figura rosa, muscolosa, con il cappello da capitano stile idro-nave terrestre. Era l'Otho-animato che quando incontrò il suo omologo, rimase talmente scosso che passò il tempo oscillando tra uno stato incontrollato di esuberanza a quello di balbuzie: la sua era una f...

March 27, 2020

          “Cos'è questo orrendo grumo di gelatina a forma di faccia?” furono le prime parole a cui le mandibole pneumatiche di Grag dettero voce.

          “Ammasso di ferraglia arrugginita, così ringrazi il tuo meccanico?” offeso, Otho, fece per calare sulla testa del robot un grosso cacciavite elettromagnetico. Ma Il Cervello lo afferrò al volo con le tenaglie dei suoi tenso-sensori.

          “Vedo che sei tornato in te, Grag” disse Curt, ritrovando il sorriso.

          Eek, la creaturina lunare telepatica salì sulle gambe del suo padrone dandogli una leccata affettuosa.

          “Ciao piccolina! Cosa mi è successo?”

          Joan, Curt e gli a...

Please reload

EG

 

È:

Mariposa, Calibro 35, The Winstons, Orchestrina di Molto Agevole, Der Maurer, Esecutori di Metallo su Carta, 19'40'' (www.19m40s.com), Upm - Unità di Produzione Musicale, Uds - Unità di Sonorizzazione, Mike Patton's Mondo Cane, Contemporarities.


È stato:

ensemble Risognanze, Timet, Sottosuono, LabF.S, LaRis, Sonata Island, Craxi, PJ Harvey's The Hope Six Demolition Project, Afterhours, Marco Parente, Vinicio Capossela, Baustelle, Dente, Morgan, Nada, Muse, Daniel Johnston, John Parish, Trovarobato, GoDai, Fuck Bloom? Alban Berg! e circa 250 dischi in 17 anni di attività.

E' sempre stato:

scrittore e disegnatore per lauto autodiletto.

Ha pubblicato Le Piscine Terminali, 17 racconti neri e dell'imprevisto (EKT Edikit, 2017)

recenti

Periscritto

blog di Enrico Gabrielli dove la musica NON è al centro
  • Grey Facebook Icon

March 3, 2020

December 19, 2019

March 22, 2019

Please reload